Quanto vale la moneta con il gufo? La risposta è sconvolgente

Ci sono delle monete appartenenti all’euro che hanno delle particolarità nel design inerenti al Paese che le produce, come se fossero il simbolo di quell’area di influenza e così facilmente identificabili. È il caso della moneta da 1 euro con gufo (o civetta, che dir si voglia), molto diffusa e ancora largamente in circolazione, che tanto fa discutere e presenta valori variabili in base alle condizioni, anno di conio e a possibili errori di stampa.

Ecco alcune caratteristiche fondamentali della moneta da 1 euro con gufo

Si tratta della comune moneta da 1 euro, caratterizzata da La moneta da 1 euro più diffusa con un gufo è la moneta greca da 1 euro, coniata dal 2002 e disegnata da Panagiotis Voulkos. Tuttavia, questa moneta presenta il gufo come parte di un disegno più complesso, che include altri elementi, come una civetta di Minerva circondata da un ramo d’ulivo e la scritta ΑΘΗΝΑ (Atene) in alto.

Esistono due versioni di questa moneta:

  • Con la lettera S all’interno della sesta stella a ore 6 sul rovescio. Questa versione è più comune e il suo valore numismatico è generalmente basso, intorno a 1-2 euro.
  • Senza la lettera S, più rara con valore numismatico leggermente superiore, fino a 5 euro per gli esemplari in Fior di Conio (FDC).

Ma è davvero un gufo ritratto sulla moneta da un euro?

Sull’argomento si dibatte da tempo, perché erroneamente si identifica il disegno con un gufo. In realtà, idealmente l’animale ritratto indicherebbe il simbolo della dea Atene, associata da sempre alla Grecia, che nella fattispecie è, invece, la civetta.

L’importanza di questa identificazione è fondamentale per capire il significato che assume questa riproduzione. Intanto, la civetta è riconoscibile per alcuni dettagli:

  • Occhi grandi e verticali che permettono loro di vedere bene anche in condizioni di scarsa luminosità. Sulla moneta, gli occhi della civetta sono ben visibili e caratteristici.
  • Piumaggio morbido che aiuta a smorzare il rumore del loro volo. Sulla moneta, il piumaggio della civetta è rappresentato con linee delicate.
  • Ciuffo sulla testa, come la civetta di Minerva, che ha un ciuffo di piume sulla testa; in particolare, sulla moneta, la civetta ha un piccolo ciuffo sopra gli occhi.
  • Posizione: la civetta è raffigurata di profilo, rivolta verso destra.

In realtà la distinzione è di poco conto, perché la civetta è riconosciuta come animale della dea Atene, ma in Grecia. Nella cultura romana, invece, la dea Minerva, corrispettiva della dea greca, era sempre accompagnata da un gufo. Pertanto, l’ “ errore” parte da questa identificazione differente tra le due culture ed epoche. In ogni caso, i due animali rappresentano il simbolo di saggezza, conoscenza, protezione e guida.

Tra le sue caratteristiche vi è:

  • la sua capacità di vedere al buio era vista come una metafora per la saggezza e l’intelletto, qualità che Atene incarnava come dea della sapienza e protettrice delle arti, dell’artigianato e della guerra strategica.
  • in tutta la Grecia, pure in epoca moderna, simbolo della filosofia e del pensiero razionale, associata a figure come Socrate e Platone, spesso anche in contesti accademici, culturali e scientifici.

Ecco perché si sceglie la civetta

La scelta di raffigurare la civetta di Atene sulla moneta da 1 euro greca ha un forte significato simbolico. È un modo per celebrare l’eredità culturale e storica della Grecia e per sottolineare i valori di saggezza, conoscenza e progresso associati a questa antica civiltà. Del resto, rappresenta l’identità nazionale greca e la sua presenza sulla moneta contribuisce a rafforzare il senso di appartenenza e di coesione sociale tra i cittadini greci ed è anche un simbolo riconosciuto a livello internazionale, che aiuta a promuovere l’immagine della Grecia come paese ricco di storia, cultura e valori.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *