Blocco bancomat in tutta Italia: cosa sta succedendo?

Il motivo per cui un bancomat può venire bloccato è dovuto in particolare allo smarrimento della stessa, per evitare che venga usata in modo illecito.

Cosa fare in caso di smarrimento del bancomat?

Intanto, ti basti sapere che bloccare il tuo bancomat in Italia non richiede un grande dispendio di energie, perché è un’operazione molto semplice e molto veloce che si può fare in diversi modi:

1. Numero verde per il blocco delle carte

Il numero verde per il blocco di tutti i tipi di carte (bancomat, carte di credito, prepagate) in Italia è 800 82 20 56, se, invece, chiami dall’estero, puoi chiamare il numero +39 02 60 84 37 68.

Avrai bisogno solo di avere a portata di mano il numero della tua carta e il codice PIN quando chiami; un operatore provvederà a bloccare la tua carta o a fornirti un nuovo PIN.

2. Contattare la tua banca direttamente

Ti puoi anche rivolgere alla tua banca, recandoti fisicamente sul posto per bloccare il tuo bancomat. Molte banche hanno anche un servizio clienti 24 ore su 24 a cui chiamare puoi chiamare; altrimenti c’è a disposizione il servizio online del banking o l’app mobile della tua banca. Ricorda che, una volta bloccata la carta, dovrai richiederne una nuova alla tua banca.

3. Sporgere denuncia alle forze dell’ordine

Oltre a bloccare la tua carta, è importante sporgere denuncia alle forze dell’ordine per il furto o lo smarrimento della stessa. Questo ti aiuterà a tutelare in caso di utilizzo fraudolento della tua carta. Conserva una copia della denuncia per poterla eventualmente presentare alla tua banca e richiedere l’annullamento della precedente e presentare la richiesta per la nuova.

Perché è importante bloccare il bancomat in caso di furto o smarrimento?

È un passo importante da fare innanzitutto per evitare utilizzi fraudolenti, in quanto il bancomat potrebbe finire nelle mani di malintenzionati che potrebbero prelevare denaro o effettuare pagamenti online o nei negozi, oppure addirittura clonarlo per creare carte e documenti falsi. Quest’ultimo aspetto è da tenere ben in considerazione perché il bancomat contiene informazioni sensibili, quali nome, numero di conto e codice PIN, per cui sarebbe facile recuperare tutti questi aspetti e creare profili falsi o fare operazioni illecite che possano colpire anche il titolare effettivo del bancomat. Inoltre, solo così è possibile limitare i danni: infatti, in base alla normativa italiana (D.Lgs. 11/2010), la tua responsabilità per operazioni non autorizzate su carte di pagamento è limitata a un massimo di €50 se segnali il furto o lo smarrimento entro 48 ore dalla conoscenza del fatto; se, invece, non blocchi la carta, potresti essere ritenuto responsabile per tutti i danni causati da utilizzi fraudolenti, anche se superano i €50. Quindi, procedere con tempestività, renderà facile ottenere un rimborso per eventuali addebiti non autorizzati e richiedere una nuova carta.

Ricorda che…

Per riassumere: in caso di furto o smarrimento bisogna procedere con il blocco immediato del bancomat, o almeno farlo dopo averne constatato la scomparsa, onde evitare di ritrovarsi con un mare di difficoltà da risolvere. Inoltre, contatta la tua banca subito e sporgi denuncia alle forze dell’ordine, dove, subito dopo, ti verrà rilasciata un verbale di denuncia utile per il blocco della carta da presentare alla banca o da tenere a portata di mano in caso il blocco venga effettuato online. Ed è importante conservare sempre una copia della denuncia.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *