Qual è la quotazione dell’oro usato oggi? “Da non credere”

L’oro è un metallo prezioso con una ricca storia e una varietà di usi. È un simbolo di ricchezza, potere e status ed è considerato un investimento prezioso. La sua principale caratteristica consiste nella colorazione gialla, che lo rende uno dei metalli più preziosi e rari sulla Terra. L’oro si trova spesso in depositi alluvionali e in vene minerarie, spesso in associazione con quarzo, pirite e altri minerali sulfurei.

L’oro, tra preziosità e valore alle stelle!

L’oro quotato in borsa non è quello che siamo abituati a vedere nelle gioiellerie, perché l’oro presenta delle differenze importanti che hanno a che vedere con il livello di oro puro contenuto nel pezzo che si valuta. Esiste, quindi, il 24 carati, quello più puro, con il 99,9% di oro contenuto, che è utilizzato principalmente per lingotti e monete da investimento: infatti, risulta troppo morbido per la gioielleria. Più congeniale alla gioielleria, è invece, l’oro 18 carati, cioè con il 75% di oro puro, unito a una lega di metalli che rende questa versione resistente e duttile, utili a particolari lavorazioni. Infine, restano il 14 carati (con il 58,3% di oro puro) e il 9 carati (con il 37,5% di oro puto), che hanno decisamente un prezzo più accessibile, risultano molto più resistenti perché la percentuale di altri metalli è molto elevata, ma il valore è più basso.

A questa differenza si unisca anche quella relativa al colore: l’oro giallo è il più comune, dovuto alla sua naturale pigmentazione; l’oro bianco, che si ottiene mescolando l’oro con altri metalli bianchi come il palladio o il nichel e ha un aspetto moderno ed elegante; l’oro rosa si ottiene mescolando l’oro con rame e argento, per ottenere un colore caldo e romantico; l’oro rosso ha una tonalità più intensa dell’oro rosa, ottenuta con una maggiore quantità di rame; e infine due tipologie più nuove, oltre che due varianti interessanti e uniche, che sono l’oro verde, che si ottiene mescolando l’oro con argento e rame, e l’oro blu, ottenuto con l’aggiunta di ferro e cromo, da cui spesso si può ottenere anche una variante di nero opaco, grazie a un trattamento superficiale.

Ma quanto vale al momento l’oro?

Come tutto quello che viene quotato in borsa, anche l’oro ha dei fattori che ne determinano fortemente la quotazione. Innanzitutto bisogna considerare il rapporto tra domanda ed offerta, perché, se aumenta la domanda, considerando che l’oro è un metallo non facilmente estraibile, l’offerta cercherà di adeguarsi ma alzando notevolmente il costo dell’oro. Se è periodo inflazionistico, potrebbe verificarsi un aumento della vendita dell’oro da parte degli utenti, che necessitano di liquidità e per questo si affidano all’oro come bene prezioso di sicurezza. Inoltre, l’oro ha un valore che oscilla in base anche all’andamento dei mercati, questi fortemente influenzati dalla situazione economica globale: quindi, se a livello mondiale, l’economia risente di crisi politiche o sociali, è normale che il prezzo dell’oro schizzerà alle stelle.

In base a queste valutazioni, possiamo dire che l’oro, intendendo come quotazione quella relativa al 24 carati, il prezzo è quello di circa 69,73 euro al grammo.

Si tenga presente che questa valutazione potrebbe subire delle variazioni, in virtù delle fluttuazioni dovute ai mercati, e che, quindi, potrebbe cambiare anche nel corso della stessa giornata.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *