Quanto valgono 100 grammi di oro? Parla l’esperto

Nell’immaginario collettivo, possedere un lingotto d’oro è simbolo di ricchezza e di prosperità economica. E non è poi così sbagliato avere questo pensiero!

DI che mondo e mondo, quando si è parlato di oro, tutto girava intorno alla ricchezza personale o generale. Per cui, più oro si possedeva, più si godeva di una certa stabilità economica. Questo ha permesso di trasformare l’oro in bene prezioso, potremmo dire anche un bene primario a cui far affidamento in caso di grave crisi finanziaria.

Perché l’oro è considerato un bene prezioso?

Il valore dell’oro deriva da una combinazione di fattori intrinseci (proprietà fisiche e chimiche), storici e culturali, economici e di mercato. La sua scarsità, durabilità, bellezza e versatilità lo rendono un bene prezioso e ricercato in tutto il mondo.

Per cui, l’oro può essere considerato prezioso, perché è un elemento relativamente raro sulla crosta terrestre. È un metallo nobile, resistente all’ossidazione e alla corrosione. Non reagisce con la maggior parte delle sostanze chimiche, mantenendo la sua lucentezza e integrità nel tempo; inoltre si presenta particolarmente duttile e malleabile, consentendo di poter essere modellato in fogli sottilissimi o fili lunghissimi, senza rompersi. Conducibilità Infine, è un ottimo conduttore di elettricità e calore, proprietà che lo rendono prezioso in svariati settori, dall’elettronica all’odontoiatria.

L’oro è un bene durevole e non consumabile, la sua domanda rimane costante nel tempo, indipendentemente dalle fluttuazioni economiche. È visto come un rifugio sicuro in periodi di incertezza finanziaria. E, non da meno, l’oro ha un colore unico e una lucentezza inconfondibile che lo rendono un materiale apprezzato per la realizzazione di gioielli e oggetti decorativi.

Il valore dell’oro: come si calcola e a quanto ammonta in questo momento

Per stabilire il valore dell’oro, è necessario tenere a mente che il prezzo è soggetto a fluttuazioni continue ed è influenzato da diversi fattori, tra cui il rapporto tra domanda e offerta, perché, essendo particolarmente raro da trovare e difficile da estrarre, il costo è molto elevato; e aumenta ulteriormente, se si considera che la richiesta diventa sempre più alta. Ci sono da considerare anche eventi di grande impatto mondiale, come guerre, disastri naturali o interruzioni della catena di approvvigionamento, che possono influenzare la produzione, ma anche le politiche delle banche centrali, come i tassi d’interesse, che possono rendere gli investimenti in oro meno attraenti rispetto ad altri beni redditizi.

Tenendo conto di tutti fattori si dica anche che il prezzo che spesso viene individuato in borsa è quello dell’oro 24 carati, ovvero quello che più prezioso di tutti, meno trattabile e non mescolato con altri metalli che consentano la lavorazione, per esempio, nella gioielleria. Questa precisazione è importante per comprendere la diversificazione dei prezzi dell’oro; per cui, se il peso del nostro oro sarà di 100 grammi, il suo valore dovrà essere diversificato in base alla caratura degli oggetti

  • se si tratta di oro 24 carati, considerando che il prezzo si aggira intorno ai 60 euro al grammo, il nostro oro varrà 6.000 euro;
  • se si tratta di oro 22 carati, considerando che il prezzo si aggira intorno ai 58,55 euro al grammo, il nostro oro varrà 5.855 euro;
  • se si tratta di oro 18 carati, considerando che il prezzo si aggira intorno ai 45 euro al grammo, il nostro oro varrà 4.500 euro;
  • se si tratta di oro 14 carati, considerando che il prezzo si aggira intorno ai 35 euro al grammo, il nostro oro varrà 3.500 euro.
POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *