Quanto vale il vinile “God Save The Queen” dei Sex Pistols? Ecco la risposta

Il singolo God Save The Queen dei Sex Pistols, pubblicato nel 1977, è considerato un’opera iconica della musica punk e un simbolo della ribellione contro l’autorità. Il vinile originale, con la sua copertina provocatoria e la musica energica, ha conquistato un posto speciale nella storia della musica e del collezionismo.

Valore e rarità

Il valore di un vinile God Save The Queen dipende da diversi fattori. Le prime edizioni del 1977, specialmente quelle con la copertina A&M, sono le più rare e ricercate. Una copia in perfette condizioni può raggiungere cifre elevate, come decine di migliaia di euro o addirittura centinaia di migliaia per esemplari particolarmente pregiati. Se inoltre è in condizioni eccellenti, senza graffi o segni di usura, avrà un valore maggiore rispetto a un vinile usurato o danneggiato.

Ad avere un ruolo predominante è la popolarità dei Sex Pistols, insieme alle tendenze del mercato collezionistico, che influenzano il valore del vinile.

Come valutare il tuo vinile

Se possiedi un vinile dei Sex Pistols “God Save The Queen” e vuoi conoscerne il valore, puoi seguire questi consigli:

  • Identificare l’edizione: cerca il numero di catalogo e la data di pubblicazione per identificare l’edizione del tuo vinile.
  • Valutare le condizioni: controlla attentamente lo stato del vinile e della copertina.
  • Consultare siti web specializzati: esistono siti web come Discogs https://www.discogs.com che offrono quotazioni di vinili rari e vintage.
  • Richiedere una valutazione professionale: Per una valutazione precisa e affidabile, puoi rivolgerti a un esperto numismatico o a un negozio di dischi specializzato.

Cosa c’è da sapere sul viniel God save the Queen?

Nel 2018, una rara copia del vinile God Save The Queen con copertina A&M è stata venduta all’asta per 13.000 sterline (circa 15.000 euro). Il singolo è stato pubblicato in occasione del Giubileo d’argento della Regina Elisabetta II, suscitando scandalo e controversie per il suo testo irriverente e la sua copertina che raffigurava la Regina con spille di sicurezza sugli occhi. Infine, la BBC ha provveduto a bannare il singolo, seguito poi da alcune stazioni radio: infatti, ha suscitato scandalo per il suo testo irriverente e la sua copertina che raffigurava la Regina con spille di sicurezza sugli occhi. Tuttavia, nonostante le controversie, il singolo ha raggiunto il secondo posto nella classifica britannica e ha contribuito a consolidare la fama dei Sex Pistols come una delle band più importanti del punk rock.

Fu pubblicato il 27 maggio 1977, in occasione del Giubileo d’argento della Regina Elisabetta II. Il brano, con il suo testo irriverente e la musica energica, ha avuto un impatto dirompente sulla scena musicale e culturale del Regno Unito e del mondo intero. È una canzone provocatoria che critica la monarchia britannica e la figura della Regina Elisabetta II; il testo, scritto da Johnny Rotten, è pieno di sarcasmo e rabbia, e accusa la monarchia di essere un’istituzione oppressiva e obsoleta. Invece, la musica, composta da Steve Jones, Glen Matlock e Paul Cook, è caratterizzata da un ritmo frenetico e aggressivo, tipico del punk rock. Il brano è diventato un simbolo della ribellione giovanile e della controcultura degli anni ’70.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *