Se hai questa vecchia moneta cinese sei ricco: ecco quanto vale

Il concetto di monetazione ha costituito una vera e propria forma di “normalizzazione” del contesto economico che ha avuto nel corso della storia, assolutamente fondamentale: la moneta infatti in varie sezioni del mondo è stata concepita in strutture diverse e tempistiche variegate, ma in ogni caso in qualche modo sovrapponibili. Ed una cultura antica, millenaria come quella cinese, che ha concepito le forme di moneta in contesti diversi, costituisce un fattore di assoluto interesse.

Una moneta cinese è per forza di cose diversa da una occidentale, ed un esemplare antico può essere anche collezionisticamente interessante.

Un esempio è dato dall’esemplare presente in questa sezione, che è decisamente raro da trovare ma può far guadagnare una cifra importante.

Trova questa vecchia moneta cinese: ecco il valore oggi

moneta cinese

Rispetto alle culture occidentali in Cina si è fatto ricorso al baratto per più tempo, ed almeno fino all’epoca corrispondente all’Alto Medioevo occidentale. Curiosamente la monetazione cinese non è stata inizialmente costellata da esemplari di foggia rotonda ma di forme molto diverse, costituite nel corso dei secoli tra le varie dinastie e nell’arco di una storia molto complessa e storicamente interessante.

L’attuale valuta è molto recente, rispetto alla storia della Cina, in quanto lo yuan, noto ufficialmente come renmimbi è stato costituito con la proclamazione della Repubblica Popolare Cinese nel 1949.

Oggi è ancora relativamente facile trovare in Cina monete anche di tipo forato al centro che sembrano molto antiche, anche se non sempre è così, in alcuni casi si tratta di gettoni o amuleti che non hanno un valore economico vero e proprio. Però con un po’ di fortuna è possibile trovare un esemplare di antica moneta corrispondente alla longeva dinastia Qing, fondata a metà del Seicento e “sopravvissuta” fino al 1912 come quella in foto.

In un arco temporale così vasto va anche esaminata la natura tipicamente legata al periodo: tra il Seicento ed il secolo successivo sotto l’epoca Shunzi le monete erano concepite in lega mista tra zinco e rame, ed un esemplare simile a quello in foto può valere a seconda delle condizioni una cifra tra i 50 ed i 500 euro. Come detto però è abbastanza difficile distinguere un esemplare originale, autentico da uno che magari non è neanche una moneta o corrisponde ad una contraffazione.

E’ importantissimo comprendere la struttura ma anche la natura ed il peso di queste monete: una moneta come quella in figura ha un peso abbastanza importante, proprio perchè la lega utilizzata già ai tempi permetteva una forma di riconoscibilità dagli esemplari contraffatti.

moneta cinese
POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *