Come mettere il detersivo in lavatrice: ecco il trucco della nonna

I moderni elettrodomestici sono oramai molto evoluti e permettono nella maggior parte dei casi di trovare il programma di lavaggio giusto per il capo adatto. Ma strutturalmente e meccanicamente “fare la lavatrice” richiede sempre un minimo di attenzione anche in metodi di comportamento che impariamo a conoscere, anche nel dosare il detersivo in lavatrice, quindi mettere il giusto quantitativo ma anche “come farlo” seguendo qualche trucco, risulta essere importantissimo sia per “lavare bene” ma anche per evitare sprechi.

Infatti sono in molti a dare un po’ per scontato il semplice modo di alimentare la lavatrice, ma anche utilizzare correttamente il detersivo può essere importante fino a fare la differenza.

Ecco una serie di “mini trucchi” concepiti durante la fase di “carico” della lavatrice.

Come mettere il detersivo in lavatrice: ecco il trucco della nonna

Elettrodomestico divenuto indispensabile in relativamente poche decadi, la lavatrice ha realmente cambiato ed ottimizzato il concetto stesso di pulizia degli abiti, sfruttando meccanicamente un principio che era già conosciuto in antichità con le lavatrici ” a mano “. Oggi quelle moderne sono senz’altro molto meglio ottimizzate ma in ogni caso il processo di inserimento del detersivi resta formalmente quanto semplicemente, lo stesso di un tempo.

Nella maggior parte dei casi facciamo ricorso sempre più spesso al tradizionale scompartimento presente in tutte le lavatrici abbastanza moderne, che trovano una forma di “divisione” tra detersivo ed ammorbidente. Anche se questo è il metodo “incentivato” non sempre risulta essere il più preciso, in quanto dal punto di vista chimico, il detersivo posto direttamente a contatto con gli abiti attraverso un misurino all’interno del cestello, risulta essere l’opzione migliore dovendo scegliere, in modo specifico se dobbiamo lavare abiti o altri oggetti in tessuto dalla struttura particolarmente sporca.

Ed è sempre meglio fare ricorso ad un misurino con tanto di “tacche” che possano certificare la quantità del detersivo utilizzato progressivamente parlando in quanto l’abitudine di utilizzare il tappo del detersivo di turno non è sempre un metodo efficace in quanto è spesso poco preciso.

In questo modo leggendo l’etichetta del detersivo ogni volta che cambiamo marca, ma mantenendo lo stesso misurino non andremo incontro ad errori, che possono essere anche causati da una quantità eccessiva di detersivo che può addirittura sortire l’effetto opposto a quello voluto, ossia una pulizia maggiore.

A proposito di quantità, per un carico di 5 grammi è sufficiente utilizzare al massimo 100 grammi di detersivo in polvere (la quantità liquida è sempre più bassa essendo questo decisamente più concentrato), quantitativi maggiori sono nella maggior parte dei casi uno spreco.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *