Possiedi ancora una macchina da cucire della Singer: ecco il valore che ha oggi

Singer costituisce per molti semplicemente un termine “sinonimo” o sovrapponibile al concetto di macchina da cucire in quanto è stata proprio l’allora piccola fabbrica omonima, intorno alla metà dell’Ottocento a sviluppare per la prima volta delle varianti “casalinghe” di oggetti di questo tipo seguendo lo stampo progettuale industriale. Moltissimi anche in Italia e nel resto d’Europa hanno acquisito una Singer, considerata estremamente importante anche da tramandare da generazione in generazione, ed ancora oggi le moderne macchine da cucire del brand statunitense sono tra le più amate.

Ma quanto può valere oggi una vecchia, se non addirittura antica macchina da cucire Singer?

La risposta può essere sorprendentemente elevata: vediamo quale.

Possiedi ancora una macchina da cucire della Singer: ecco il valore che ha oggi

macchina da cucire Singer valore

Una macchina da cucire costituisce, e costituiva anche in passato qualcosa di abbastanza costoso ed importante, fatto per durare, per questo il costo e le modalità di utilizzo non sono mai “calate” troppo anche con lo sviluppo di materiali moderni.

Se in passato una macchina da cucire costituiva qualcosa di molto durevole ma anche estremanente ingombrante e spesso sono ed erano munite di un mobiletto in grado anche di contenere parzialmente o totalemente la macchina con tanto di meccanismo.

La diffusione totale delle macchine da cucire Singer è iniziata con gli inizi del Novecento ma molti esemplari soprattutto negli Stati Uniti erano stati già venduti in grandi quantità verso la fine dell’Ottocento, e sono senza molte sorprese queste le varianti maggiormente ricercate sul mercato: molto spesso le versioni più lussuose erano anche esteticamente concepite con stili estetici e materiali pregiati.

Per questo è bene valutare in modo abbastanza generico una macchina da cucire Singer degli anni 50 e 60 se in ottimo stato anche tra i 250 ed i 500 euro, come i modelli 301 e 301A, sicuramente tra i più iconici e rappresentativi.

Molto più rara e pregiata è una variante corrispondente ad un modello antecedente, realizzato dagli anni 30 per vari decenni con alcune modifiche, un modello esclusivo do Singer 222K “Free Arm” vale fino a 3500 euro.

Una più “recente” forma di modello come la 99k vale tra i 50 ed i 170 euro, la 401A si attesta su prezzi simili, esemplari addirittura risalenti al 1890 realizzata addirittura in Ghisa e noce Ghisa, può valere oltre 1000 euro se tenuta in eccellente stato di conservazione.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *