Possiedi il raro francobollo Gronchi Rosa? Corri a venderlo, ecco il suo valore

La filatelia è un settore sicuramente legato naturalmente al collezionismo come pochi altri ed evidenzia anche una naturale propensione a ricercare quelli che sono tecnicamente poco più che pezzi di carta stampata, gommata e colorata corrispondenti ad oggetti tendenzialmente comuni. Ciò che rende un francobollo raro potenzialmente è una serie di fattori tra i quali spicca la rarità e l’uncità addirittura, in alcuni casi molto specifici, come il Gronchi Rosa, probabilmente il più famoso francobollo italiano.

Questo non è raro in senso specifico, ma una variante molto particolare, causata da una serie di coincidenze lo hanno reso famosissimo.

E moltissime leggende e storie si leggono e si sentono a proposito. Ma quanto vale davvero il Gronchi Rosa?

Possiedi il raro francobollo Gronchi Rosa? Corri a venderlo, ecco il suo valore

La storia della filatelia fin dal principio è ricca di esemplari concepiti in modo tendenzialmente “errato” o in condizioni non propriamente “giuste”, condizione che ha portato la nascita di esemplari iconici. Il Gronchi Rosa non è tra i francobolli più rari e dal maggior valore ma è comunque il più noto in Italia perchè ha alle spalle una storia “politica”.

Il nome deriva dall’allora presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, impegnato in una serie di visite diplomatiche in alcune nazioni sudamericane: per l’occasione furono concepiti progetti di francobolli da valori diversi. Il Gronchi Rosa, dal valore originale di 205 lire, sarebbe dovuto diventare uno dei francobolli emessi nel mese di aprile, in corrispondenza dell’arrivo in Sudamerica del presidente ma la validità fu iniziata ed interrotta nello stesso giorno, il 6 aprile. Questo a causa di un errore grafico, risultante una sagoma del Perù in una cartina non “aggiornata” a quegli anni, dove il Perù non aveva ancora alcuni possedimenti molto contesi della zona amazzonica.

In realtà diversi elementi avevano scoperto l’errore già dal 3 aprile ma a causa di una serie di problemi la comunicazione dell’errore è arrivata tardi e solo alcuni giorni dopo gli esemplari dai confini non aggiornati con nuovi esemplari “giusti” ma dal colore grigio. In pochi anni però i famosi esemplari rosa sono diventati famosissimi, anche se il valore è stato a lungo difficile da definire anche perchè in generale i Gronchi Rosa non furono esemplari “rari” emessi in circa 2 milioni di pezzi. Quelli “sbagliati” però hanno un valore variabile legato ad un francobollo nuovo con la gomma integra che può valere circa 1000 euro mentre la metà per i francobolli senza gomma mentre le buste da lettere, in cui era stato attaccato il francobollo rosa, ricoperto da uno grigio possono valere diverse migliaia di euro.

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *