Cefalù, “Note di storia patria”: il concerto per celebrare l’anniversario d’ingresso dell’Italia in guerra

concerto 22.11.15Il 22 novembre, nel giorno della festa di S. Cecilia, patrona della musica e dei musicisti, l’Ass. Cult. Mus. Santa Cecilia e L’Associazione Siciliana Musica per l’Uomo celebreranno, con un concerto presso il teatro “S. Cicero di Cefalù, il centenario dall’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra e il 70° anniversario della fine della II Guerra mondiale.
Il programma prevede musiche e canti popolari del periodo storico che va dall’Unità d’Italia fino alla II guerra mondiale, tutti brani rielaborati per coro e banda da Giuseppe Testa che dirigerà i bandisti della Santa Cecilia. Il coro “Maria Elisa Di Fatta” sarà invece diretto da Ildebrando D’Angelo.
Con inizio alle 18,30 e ingresso libero, domenica prossima ascolteremo: La leggenda del Piave, La tradotta, Sul cappello, Ta-pum, Lilì Marlene, Fischia il vento, Bella ciao, Fremiti d’Indipendenza (di Fulvio Creux) e La ballata di Spinuzza (di Ildebrando D’Angelo).
“Li surdateddi siciliani” della poetessa cefaludese Elvira Guarnera, con musica scritta da da P. Corsi, sarà invece cantata dal soprano Donatella Gugliuzza.
Verrà ricordato anche il compositore Michele Novaro, nel 130° anniversario della sua morte, con il brano “Il canto degli Italiani”, meglio conosciuto come Fratelli d’Italia, nostro  inno nazionale, le cui parole sono state scritte dal poeta e patriota Goffredo Mameli.
Per un augurio di pace, il concerto si concluderà  con l’esecuzione del “Canone della Pace” di François Terral.
Le esecuzioni musicali verranno intervallate dagli interventi storici della professoressa Valentina Portera che inquadrerà i canti nel rispettivo periodo storico.
POTREBBE INTERESSARTI