Pubblicato il: martedì 16 maggio, 2017

Treno pendolari prende fuoco a Bagheria

treno prende fuocoIl treno 7976 delle ore 13:27 di Trenitalia, proveniente da Palermo e diretto a S.Agata Militello ha preso fuoco nei pressi della stazione di Bagheria alle ore 13:42. Ennesima dimostrazione dell’obsolescenza dei mezzi adoperati da Trenitalia in Sicilia, ovvero locomotori che dopo aver circolato per decenni al nord vengono spediti in trinacria per essere adoperati sulla linea ferrata più importante e frequentata dell’isola, la Palermo-Messina.

Già da Palermo – raccontano i pendolari – prima della partenza, vengono riscontrate le prime anomalie durante la prova di frenatura. Gli assi del locomotore hanno dei problemi. Il personale di bordo riesce a risolvere l’anomalia e alle 13:31 si parte per S.Agata Militello. Durante il percorso da Palermo C.le a Bagheria il locomotore inizia ad emettere fumo, l’aria sul treno diventa irrespirabile e i passeggeri vicini al locomotore sono costretti a spostarsi nelle altre carrozze. Nonostante i tentativi di far sfiatare tramite l’apposita valvola, gli assi del locomotore continuano ad essere incandescenti, il fumo è continuo. L’odore di ferodo è insopportabile e arrivati presso la stazione di Bagheria alle 13:42 circa i pendolari sono costretti ad evacuare il convoglio.

Iniziano le operazioni di spegnimento: ben 3 estintori verranno adoperati dal macchinista. Il treno viene cancellato e non viene inviato alcun treno sostitutivo. I pendolari di Campofelice, Lascari, Cefalu`, Castelbuono, Pollina-S. Mauro Castelverde, Tusa, S.Stefano Di Camastra, Caronia, Acquedolci -S.Fratello e S.Agata Militello dovranno attendere il treno successivo stracolmo delle 14:25. Stanchissimi per l’attessa in piedi, mezzi intossicati a causa del fumo, letteralmente distrutti dopo una giornata di lavoro e/o studio, finalmente alle 14:32 i pendolari possono lasciare la stazione di Bagheria.

Commenti

commenti

Informazioni sull'Autore

Per restare aggiornato clicca mi piace

logo-madonia-popup

dal 1911 produttori di bontà